Questo sito utilizza cookie per il funzionamento e la migliore gestione del sito. I cookie tecnici e di analisi statistica sono già stati impostati. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Proseguendo, acconsenti all’utilizzo di cookie.
Ultime Attività Ritornare a News
23, Dic 2021
Aspe'.

Aspe'... Cosa cazzo ho appena letto?
E niente, Adininadolf ci regala una perla rara di sessismo.

Ora, io non mi sono informato sul fatto che sia vera o non è vera l'emergenza natalità. Dando uno sguardo in giro effettivamente nei vari giornali pare che dicano che ci sia un calo. C'è chi fa anche pronostici allarmistici e parla dell’impatto che questo avrà sulla società e sull'economia futura.
Trovo però un paradosso, se da un lato si parla di calo demografico italiano con preoccupazione, dall'altro lato si parla di sovrappopolazione globale con altrettanta preoccupazione. In pratica siamo in una situazione in cui si ragiona alla “Ognuno per sè” e non c'è ancora una visione globale.
Per me già siamo troppi stronzi, quindi se smettessimo di figliare come conigli sarebbe solo un bene. Ma tanto ci sono parti del mondo dove sgravano così tanti mocciosi che comunque resteremo sempre in troppi. Non è che puoi andare nei paesi meno acculturati, come l’America, e fare una castrazione chimica di massa.
Ma non voglio parlare di geopolitica, anche perché non ne so una mazza.
Quello che però so, è che la soluzione proposta dall'abominevole uomo di destra è una cazzata.
Non solo non risolve il problema, non solo non ne indaga le cause, ma scade nella peggiore forma di sessismo… e tale sessismo è a doppio senso. Contro le donne in modo esplicito, e contro gli uomini in modo implicito.

Parlo da giovane 30+qualcosa|enne che ormai si avvicina agli "anta", e nonostante io abbia una relazione fissa da oltre 15 anni, e conviva quasi da 10, ancora non ho intenzione di avere dei parassit… hem… dei figli.
E no, ricevere un bonus di due spicci ogni volta che ingravido la mia compagna non cambierebbe affatto le motivazioni che mi spingono a preferire i cümshöt rispetto ad un crəampiə… no scusate, sono uscito fuori tema… volevo dire che ricevere un bonus di due spicci non cambia le motivazioni che mi spingono a non volere un figlio.

Il problema è solo ed unicamente uno: Il denaro.
Ed il denaro è strettamente collegato al lavoro.
Trenta anni fa un ragazzo che usciva dall'università poteva trovare un lavoro che come minimo gli garantiva 2.500.00/3.000.000 lire, e lo stipendio di un operaio o una figura non specializzata si aggirava attorno ai 1.500.000\1.700.00 lire.
Era un periodo in cui un caffè ed un cornetto lo pagavi 1.500 lire, la spesa "grande" quella del fine settimana, era sulle 50.000 lire, 100.000 se avevi una famiglia numerosa.
Un cavaliere dello zodiaco versione vintage (giochi preziosi) costava 35.000 lire.
Il Commodre 64, appena uscito, costava sulle 950.000 lire, ma quando divenne massivo attorno agli anni ‘90 scese sulle 700.000 lire.
Oggi, nel 2021, invece abbiamo laureati che vanno nei call center per 1.000 euro al mese, perchè l’alternativa è darsi al mondo della ricerca e guadagnare 800 euro sperando che l’anno dopo rinnovino il progetto… cosa che a volte non accade. Anni di studi per essere precario a vita.
Un caffè ed un cornetto possono arrivare anche a 3 euro, abbiamo cellulari che costano addirittura 1k, e portatili che arrivano a 3 o 5k.
Contratto a tempo indeterminato? Ah, un sogno che molti non osano neanche sperare.
Liberi professionisti? Cert, con una pressione fiscale di oltre il 60%, e clienti che giocano a ribasso. Il tutto coronato da un sistema di tasse che ti obbliga a pagare delle quote fisse anche se non fatturi a sufficienza (tipo 3.600 di inps).
Diciamo le cose come stanno, la nostra generazione non ha un cazzo. Non ha prospettiva, non ha futuro, non ha speranza, non ha niente di niente.
I più fortunati di noi guadagnano 1.200 euro, o al massimo 1.500.
Stop.
Sono rari i casi di giovani 30enni che hanno una entrata mensile superiore ai 2k.
Mi vengono in mente i Medici (e manco tutti), i funzionari di stato (non impiegati) e pochi altri.

E la disoccupazione?
Negli anni 90 era solo l’8%.
Nel 2014 è salita al 12%.
Nel 2021 siamo al 10%.
Per quel che riguarda le mie conoscenze, un amico su tre non ha lavoro. Due amici su tre percepiscono attorno ai 1.000 euro.

Penso al mio nucleo familiare, siamo in due e i nostri stipendi assieme non arrivano a 3k. Ho un mutuo, una macchina, un gatto (mangia e caga come un leone), e varie utenze e spese. Fra un cazzo e l'altro, riusciamo a mettere da parte solo 150 euro al mese.
Ma si può avere il coraggio di mettere al mondo un figlio così?
Ma che gli offro? Che futuro di merda può avere?
"Basta l'affetto" dicono alcuni. Per me no.
La vita che vorrei offrirgli è differente dalla mia e da quella che ho fatto io e che fanno praticamente tutti i miei conoscenti.

Il tenore di vita medio italiano non permette, se si ha la testa sulle spalle, di fare figli.
Idiocracy (il film) sta diventando ormai un documentario, è stato profetico.

E qui arriva il sessismo del caro Adinadolf.
La donna trasformata in una vacca da monta e l'uomo in una formica operaia.
I figli costano, non mangiano aria.
Fai un figlio, lo Stato ti da due soldi. Tempo un anno sono finiti.
E poi?
Sto genio dice "fatene un altro!"
Benissimo. Due bocche in più da sfamare. E se quei pochi soldi duravano un anno, adesso ne durano mezzo.
Un altro figlio, pur di avere nuovamente il sussidio?
E vai che sono tre, e poi quattro? Cinque?
Olè!

E a quel punto la donna è stata sempre in maternità e non ha potuto lavorare un cazzo, e fra allattamento, svezzamento e via dicendo, si trova relegata al ruolo di schiava in casa. Addio sogni, addio carriera, addio libertà.
Sulla testa dell’uomo è ricaduta tutta la famiglia. Moglie, tre figli, o forse di più. La responsabilità di portare la pagnotta a casa è tutta sulle spalle, e deve fare doppio lavoro e straordinari per campare 5 persone, relegato al ruolo di schiavo fuori casa. Addio sogni, addio salute (forse la carriera sì, ma a che costo?), addio libertà.
Ed il sessismo è servito. Complimenti Adinadolf per la geniale idea progressista che ci farà tornare indietro invece che andare avanti.
(Se qualcuno sproloquia di PaTrIaRcAtO lo banno per direttissima, idem se qualcuno dice che il femmicristo ci salverà)

Ora, io sono totalmente anaffettivo, aromantico e privo di empatia, quindi conto poco... ma porca troia, ma una famiglia nel 2022 può decidere di mettere al mondo un figlio, cioè un essere umano, solo per soldi e per ricevere sussidi statali?
Che roba è??
Ma sul serio???

E questi che propongono la mercificazione della gravidanza, poichè altro non è, sono gli stessi che poi criticano l’utero in affitto.
In pratica se lo Stato ti paga per farti spermare le ovaie, va bene. Se una famiglia che non può avere figli ti paga per farti spermare le ovaie, è abominio.
Olè!

Io non so quale possa essere la soluzione migliore, o meglio, non saprei come arrivarci perchè qui andrebbe rivisto tutto il sistema societario, retributivo, lavorativo ecc… ed è utopia.
Ci sarebbero così tanti fronti su cui lavorare per sistemare le falle che non saprei da dove cominciare.
Ma di certo trasformare le donne in vacche da monta e gli uomini in formiche operaie non è la soluzione. Su questo, non ho dubbi.
Proporre soluzioni idiote a problemi complessi serve solo a peggiorare la situazione.


Visualizza su Facebook

Trasforma la tua Pagina Facebook in un Sito, istantaneamente.

Prova ora 12 giorni GRATIS

Nessuna carta di credito richiesta, cancella in qualsiasi momento. pagevamp.com